News&Info

Ortaggi inquinati: broccoli cinesi, prezzemolo vietnamita etc... avvelenano i nostri piatti.

broccoli made in china

La globalizzazione dei mercati, con l'apertura delle frontiere ai prodotti di altre nazioni con leggi e controlli meno stringenti sull'uso di prodotti chimici nella coltivazione di ortaggi e frutta, ha portato in Italia prodotti ortofrutticoli velenosi. Questa globalizzazione, che in realtà assume i tratti distintivi di una speculazione a basso costo sui prodotti alimentari a danno della salute degli italiani, oltre a provocare un danno economico notevole ai produttori italiani, ha portato (con alta probabilità) anche l'insorgenza di problemi di salute fra i consumatori. Il primato per le infrazioni alle normative sui residui chimici nei prodotti spetta al gigante asiatico che ormai domina i mercati di tutto il mondo: la Cina. Come riporta la Coldiretti, le violazioni alle norme europee (ed Italiane in particolare) dei prodotti importati dalla Cina ha un rilievo preoccupante.

Leggi tutto: Ortaggi inquinati: broccoli cinesi, prezzemolo vietnamita etc... avvelenano i nostri piatti.

Pediatri italiani:telefonini vietati ai bambini fino a 10 anni.

cellulare bambini

I telefonini hanno invaso le nostre vite ed i piccoli chiedono con insistenza crescente di averne uno proprio per poterci giocare, telefonare, chattare. La capacità d'uso degli smartphone o dei tablet che hanno i bambini, spesso già quando non sono ancora in grado di parlare, ci sorprende e ci rende orgogliosi perché segno di intelligenza. Purtroppo, però, è sotto gli occhi di tutti che l'uso dei dispositivi elettronici come i telefonini, tablet e videogiochi, porti i bambini ad isolarsi, come del resto fa con gli adulti che spesso stanno vicini senza parlarsi ma consultando morbosamente il proprio smartphone per chattare su whatsapp o vedere le ultime condivisioni su facebook. A lanciare l'allarme circa la pericolosità che ha l'uso precoce dei cellulari sullo sviluppo psichico e mentale dei bambini  c'è anche l'autorevole pensiero dei pediatri italiani che avvertono sui rischi. Aumento della aggressività, isolamento, ritardo nello sviluppo del linguaggio, pericolo per gli occhi. L'uso dei telefoni per effettuare una conversazione provoca un aumento delle radiazioni elettromagnetiche assorbite dal cervello e il tenere il cellulare attaccato all'orecchio comporta un aumento delle temperatura locale delle cellule del cervello, arrivando in casi estremi a provocarne la morte per necrosi. Difficoltà di concentrazione e di memorizzazione sono anche possibili conseguenze dell'uso degli smartphone. Il rischio sociale è alto: il cellulare diminuisce i contatti reali, le interazioni sociali nell'area che ci circonda, sia essa una stanza, un vagone del tram o del bus, una panchina al parco. Per maggiori approfondimenti, consultare il sito della Società Italiana di Pediatria Preventiva e Sociale (SIPPS: www.sipps.it)

Fonti:

ansa.it

sipps.it

Additivi nel cibo: ne ingeriamo un kg all'anno.

additivi alimentariIn questi giorni si sta svolgendo a Napoli un congresso della Società Italiana Allergologia, Asma e Immunologia Clinica (sito web dell'evento: http://www.siaaic2016.org/). Fra i temi principali vi è un filone dedicato alle reazioni alimentari. Secondo gli studi, ogni italiano (bambini e anziani compresi) ogni anno ingerisce una quantità di additivi (coloranti, stabilizzanti, conservanti, aromi artificiali) pari ad un kg! Si tratta di sostanze estranee al cibo, aggiunte per migliorarne l'aspetto, aggiustarne il gusto, aumentarne il periodo di conservazione. Si parla di 360 sostanze legalmente autorizzate che se aggiunte agli aromi diventano 3000. Questa massiccia presenza di sostanze estranee ha provocato l'insorgenza di intolleranze alimentari con varie sintomatologie. Cosa fare per evitarle? Mangiare sano, ovvero mangiare cibi biologici. Per tornare alla natura dovremo quindi optare per la scelta biologica, spesso prodotto di nicchia perché ha costi maggiori rispetto all'agricoltura industrializzata.

Fonte: ANSA

Ritiro del medicinale LOCABIOTAL disposto dall'AIFA

L'Agenzia Italiana del Farmaco (AIFA), in seguito alla rivalutazione dei rischi / benefici dell'uso del principio 'fusafungina' da parte del Comitato di valutazione UE, ha disposto il ritiro dal mercato di tutti gli spray a base di fusafungina. Questo farmaco è usato per la cura delle infezioni delle vie aeree, ma c'è un rischio alto di insorgenza di gravi reazioni allergiche. Il farmaco più diffuso con tale principio attivo è LOCABIOTAL

Locabiotal 600x300

Fonte: ANSAqui

Camminare di nuovo...grazie alle cellule del naso.

midollo spinale

Un ex pompiere polacco, Darek Fidyka, vittima di un accoltellamento nel 2010 rimase paralizzato, oggi, dopo un trapianto di cellule staminali prelevate dal naso ritorna a camminare. Il risultato, descritto sulla rivista Cell Transplantation, è il frutto di una ricerca quarantennale condotta fra la Polonia e l'Inghilterra.
Il trapianto è consistito nella rimozione di uno dei bulbi olfattivi del paziente e il conseguente innesto delle cellule OECs (Olfactory Ensheating Cells) nel punto di lesione del midollo spinale, mischiate a cellule di tessuto nervoso prelevate dalla caviglia. L'avvenuta rigenerazione delle fibre nervose, da confermare con uno studio su scala mondiale, è avvenuta grazie a questo mix di cellule. Le cellule OECs, nel naso, hanno la funzione di aiutare a rigenerarsi le cellule nervose del naso. Il paziente ha dovuto effettuare diversi cicli di fisioterapia per iniziare a muoversi e camminare o pedalare. Ha recuperato quindi il controllo della parte inferiore del busto e delle gambe, nonché le funzioni sessuali. La ricerca sarà estesa a tutti quei pazienti che hanno gravissimi danni al midollo spinale, quali la recisione completa da arma da taglio, in modo da affrontare la problematica più grave. E' stato, quindi, avviato un progetto dal nome: Walk Again Project (Progetto Camminare Nuovamente).

I pazienti che vogliono essere sottoposti a tali cure devono essere disposti a restare in Polonia almeno tre anni per la riabilitazione.

Fonti:http://www.bbc.com/news/health-35660621
https://walk-again-project.org/#/en/project
http://www.ansa.it/saluteebenessere/notizie/rubriche/medicina/2016/03/07/paralizzato-torna-a-muoversi-grazie-alle-cellule-del-naso_8a28f04d-c266-415a-9308-b32dd50692ca.html

RansomWare, il virus che rende illeggibili le tue foto e i documenti e ti chiede il riscatto

La nostra vita è ormai pervasa dalle tecnologie informatiche, smartphone, tablet, pc, smart tv, domotica. La facilità (e la gratuità) con cui si scattano centinaia di foto e si conservano nel disco fisso del computer, spesso senza mai stamparle, fa si che si accumulino centinaia o migliaia di foto con ricordi di momenti della nostra vita che rischiano di perdersi in caso di rottura del disco o compromissione dei dati. A questi rischi legati alla mancata stampa e al mancata salvataggio su altri suppporti (DVD, pen-drive, disco esterno) si aggiunge quello di essere vittima di una categoria di virus detta "ransomware", ovvero malware (software malevolo) che chiede un riscatto (ransom). La mancanza di un antivirus aggiornato o addirittura l'assenza di un buon antivirus installato sul pc o sullo smartphone, rendono vulnerabile il sistema all'attacco di un virus del genere, che spesso proviene da una email ingannevole o da un pendrive collegato al nostro dispositivo. La mail contiene un allegao apparentemente innocuo che invece avvia un virus subdolo e invisibile che comincia a crittografare (codificare secondo una coppia di chiavi di scrittura e decodifica) i nostri dati (foto, documenti word, excel,pdf) rendendoli illeggibili. Non ci sono ancora metodi di decriptazione in quanto si utilizzano algoritmi appositamente studiati per rendere non decodificabili con i normali computer i dati così codificati. Al termine della codifica irreversibile dei dati, tutti i nostri documenti e foto sono di fatti persi per sempre. I pirati informatici offrono una pericolosa possibilità di recupero: pagare un riscatto in bitcoin (moneta virtuale) sulla rete TOR (rete internet anonima) a partire da 500$. Chi garantisce che dopo il riscatto i criminali abbiano l'onestà di dare la chiave di decodifica? Consigliamo, quindi, di stampare le foto a cui tenete di più, memorizzare su supporti di buona qualità in maniera stabile (Dvd) foto e documenti, e spendere qualche decina di euro x un buon antivirus. Prevenire è meglio che curare.

Sottocategorie

In questa categoria una raccolta di interessanti articoli scientifici su nuove e vecchie scoperte e news sui ritrovati tecnologici più recenti.

Notizie sullo spazio, astronomia, astrofisica, esobiologia.

In questa categoria sono raccolti gli articoli di riguardanti la ricerca in campo medico nella lotta alle malattie.

Notizie vere o inventate che vi strapperanno un sorriso..