SignorSito.it

Qui non trovi bufale!

Poesie

A baciurra addumata tutta la nuttata

render 05

A baciurra addumata pi tutta la nuttata,
na stramera ri fogghi ammunziddati.

Cu la testa appujata nta manu manca,
scrivu e riscrivu li me pinsera.

Ogni machina chi passa la sentu arrivari,
vuci arriatati di picciuttedda si scancianu la bonanotti,
l'estati finìu cu l'urtimi botti.

Na iatta sciarrera si murmurìa mentri c'arriva ormai la chiarìa, la me jurnata è oramai primintìa.

Na tazza 'i cafè e di viscotta na carrittata, ncumincia accussì la nova jurnata.

 

Vincenzo Catanese, 18 novembre 2018

 

 

A baciurra addumata pi tutta la nuttata,
na stramera ri fogghi ammunziddati.

La lampada accesa per tutta la notte, tantissimi fogli sparsi in mucchietti.

 

 

A baciurra è la lampada da tavolo o da comodino. Il nome deriva dal francese abat-jour, d'uso anche nella lingua italiana per indicare un paralume.

Addumata è il participio passato di addumari, accendere.

Stramera indica una quantità di oggetti sparsi in modo disordinato.

Fogghiu è la parola corrispondente a foglio.

Ammunziddati è il participio passato di ammunziddari, ammucchiare, fare "munzedda", mucchi.

Cu la testa appujata nta manu manca,
scrivu e riscrivu li me pinsera.

Con la testa appoggiata sulla mano sinistra, scrivo e riscrivo i miei pensieri.

Appujata è il participio passato di appujari, appoggiare. Dal francese appuyer.

Manu manca è la mano sinistra.

Pinsera sono i pensieri.

Ogni machina chi passa la sentu arrivari,
vuci arriatati di picciuttedda si scancianu la bonanotti,
l'estati finìu cu l'urtimi botti.

Ogni auto che passa io la sento arrivare,

voci rauche di giovanotti si scambiano la buonanotte.

L'estate è finita con gli ultimi botti.

 

  

Machina è letteralmente macchina, indica l'automobile in questo caso.

Vuci arriatati sono le voci rauche. Arriatatu significa rauco.

Piccuttedda è il plurale di picciutteddu, giovanotto.

Si scancianu è voce verbale, riflessiva di scanciari, cioè scambiare. Si scambiano.

La bonanotti è la buonanotte.

Estati è la stagione estiva, u bellu tempu (il bel tempo).

Finìu è il passato di finiri (finire), è finita, trascorsa.

Urtimi botti letteralmente sono gli ultimi botti. Le feste solenni in Sicilia si concludono sempre con imponenti giochi d'artificio, i cosiddetti botti (ri focu). Gli ultimi botti sono di solito raffiche di spettacolari fuochi che all'imponenza dei boati uniscono meraviglie di luce.

 

Na iatta sciarrera si murmurìa mentri c'arriva ormai la chiarìa, la me jurnata è oramai primintìa.

Una gatta litigiosa si lamenta mentre sopraggiunge il chiarore dell'alba, la mia giornata è iniziata anzitempo.

Na iatta sciarrera letteralmente è una gatta litigiosa, che si azzuffa con altri gatti. La sciarra è infatti il litigio.

Murmurìa è il verso del gatto, onomatopeicamente derivata dal suono continuo, periodico. Dal francese murmur, verbo che indica un brusìo continuo, armonioso. Murmuriari è il verbo che indica l'atto di lamentarsi.

La chiarìa è il bagliore del giorno che rischiara il buio della notte ormai trascorsa.

Jurnata è la giornata.

Primintìa qui è un aggettivo che indica qualcosa di sopraggiunto velocemente, anzitempo. Solitamente si usa associato ad ortaggi o prodotti alimentari maturati in anticipo, le cosiddette primizie.

Na tazza 'i cafè e di viscotta na carrittata, ncumincia accussì la nova jurnata.

Una tazza di caffé e di biscotti una vagonata, inizia così la nuova giornata.

Viscotta è il plurale di viscottu, biscotto.

Carrittata è letteralmente "carrettata", ad indicare una quantità notevole, abbondante. Il carretto era il mezzo di trasporto antico ed una carrettata era la quantità di prodotti trasportabile con esso.

'Ncumincia è voce verbale, presente indicativo del verbo 'ncuminciari, incominciare, iniziare. 

 

 

Versione più rimata.

'A baciurra addumata pi tutta la nuttata,

di na stramera di fogghi la scrivania è cummigghiata.

Cu la testa appujata 'nta manu manca,

la manu ritta ri scriviri pinsera 'un si stanca.

 

Ogni machina chi passa la sentu arrivari,

p'a strata si senti la genti vuciari.

L'estati finìu cu l'urtimi botti,

i picciuttedi si scancianu la bonanotti.

 

Na jatta sciarrera si murmurìa,

mentre c'arriva oramai la chiarìa.

Na tazza 'i café e di viscotta na carrittata,

'accumincia accussì la me nova jurnata.

 

0
0
0
s2smodern