SignorSito.it

Qui non trovi bufale!

Risate amare...

Trump rompe il ghiaccio e gli ambientalisti lo attaccano

Trump 2

Il mitico Trump, presidente inviso al mondo intero, poco attento al cerimoniale ed allergico alle domande dei giornalisti, ci ricasca. Durante un convegno con varie rappresentanze della società civile, per rompere il ghiaccio, fa una battuta, forse una freddura. Ed ecco che gli ambientalisti insorgono accusandolo di difendere gli interessi di chi inquina ed aumenta i gas serra nell'atmosfera...Chissà come finirà.. Oltre alla battuta, all'articolo satirico, il problema è serio.

Il pianeta è in balia di un riscaldamento progressivo che ha già portato allo scioglimento dei ghiacciai, delle calotte polari, al distacco di iceberg più grandi della Liguria, al prosciugamento dei bacini acquiferi... Il rischio è reale ed il contributo umano a questa catastrofe non è indifferente se non causa primaria. Le grandi potenze industriali negano o minimizzano, agendo in barba agli accordi internazionali...

0
0
0
s2smodern

Annullati i ponti del 25 aprile e del 1 maggio: rischio crolli

Purtroppo, la situazione di un Paese in declino, dove la corruzione e l'inefficienza del settore pubblico, è in continuo peggioramento. Le nostre strade sono dissestate, piene di buche ormai storiche, i ponti, ahinoi, crollano, mietendo vittime.

Il Governo che fa? Probabilmente, nella confusione generale, annulla i ponti delle festività, piuttosto che mettere in sicurezza i ponti e le infrastrutture.

ponte danneggiato bn

0
0
0
s2smodern

Processo ILVA da rifare: le prove erano inquinate.

Naturalmente, si tratta solo di un titolo ed un articolo ironico sulla difficoltà che si incontra nel contestare dei reati di inquinamento e di attentato alla salute pubblica da parte dei grandi gruppi industriali. In nome del progresso, del profitto e del lavoro, in molte zone d'Italia si è praticata violenza al territorio e  alle persone che vi abitano, generando nei decenni delle malattie derivanti dall'inquinamento. Dai problemi respiratori ai tumori. E mentre il governo cancella il fondo che destinava 50 milioni di euro per il sistema sanitario pugliese per accrescere i livelli di assistenza per queste casistiche, qualcuno chiede anche di andare a bussare alla porta dei proprietari dell'ILVA per chiedere a loro i danni...

0
0
0
s2smodern